Range Rover Velar: spazio e tecnologia

  • 03.03.2017

La nuova Range Rover Velar si colloca tra Evoque e Sport ed un'auto dallo stile raffinato con un interno tecnologico

Range Rover Velar: spazio e tecnologia

La concorrenza fra le suv di prestigio lunghe circa 470 cm è diventata molto serrata negli ultimi anni: l’ultima ad arrivare in ordine di tempo è stata l’Alfa Romeo Stelvio, ma nella stessa categoria si trovano anche le BMW X3, Jaguar F-Pace, Audi Q5 e Lexus NX. Dal 2017 sarà in lizza anche la Range Rover Velar, suv lunga 480 cm molto ricercata sotto il profilo estetico che non trascura però lo spazio a bordo: la distanza fra le ruote è inferiore solo di 5 cm rispetto alla più lunga Range Rover Sport e il baule ha una capacità da 673 litri a oltre 1.700 litri, quanto una station wagon di grosse dimensioni. La Velar sarà esposta in anteprima al Salone di Ginevra (7-19 marzo) e dovrebbe essere sul mercato intorno intorno a luglio del 2017. Gli stilisti della Ranger Rover Velar hanno prestato molta attenzione ai particolari e alla cura per i dettagli, come visibile ad esempio nelle maniglie esterne a filo carrozzeria, che appaiono solo quando vengono sbloccate le portiere e si ritraggono una volta superati gli 8 km/h. La carrozzeria ha forme aerodinamiche, particolari ispirati alle Range Rover più costose (il cofano anteriore ha una forma a conchiglia) e fari anteriori a led di serie fin dalla versione d’ingresso. Solo quelle più ricche adottano però la soluzione dei led a matrice, che regolano il fascio luminoso in funzione della visibilità e della presenza di altre auto sulla strada. Nell’abitacolo si trovano materiali pregiati, finiture molto curate e un sistema multimediale particolarmente evoluto, oltre a sistemi audio fino a 1.600 watt. Il quadro strumenti della Ranger Rover Velar è analogico, con i tradizionali strumenti a lancette (separati da uno schermo ampio 5 pollici), ma in opzione si può ordinare il monitor digitale da 12,3 pollici. La vera novità sta nei due schermi touch da 10 pollici integranti nel mobiletto centrale: quello superiore controlla la navigazione e la parte multimediale, quello inferiore il climatizzatore e il sistema per gestire la trazione su fondi a bassa aderenza. Lo schermo più in alto si può inclinare fino a 30° e “combatte” i riflessi in tutte le condizioni di luce. Il sistema multimediale assume per l’occasione il nome Touch Pro Duo, integra il modulo per la navigazione su internet e si può gestire in parte attraverso un’app per smartphone, che permette di vedere il livello del carburante o le coordinate del parcheggio. La Range Rover Velar si avvale dei più moderni sistemi di ausilio e assistenza alla guida, a partire dalla frenata automatica d’emergenza, oltre al sistema anti-sbandamento, al regolatore di velocità adattivo e all’assistente di parcheggio. Non mancano poi la trazione integrale e il sistema Terrain Response, che gestisce la risposta del motore, del cambio, delle sospensioni e delle tecnologie di assistenza alla guida in funzione del tipo di terreno. In opzione si può avere una versione aggiornata dell’impianto, il Terrain Response 2, studiato per agire in maniera del tutto automatica: il conducente non deve muovere il selettore e impostare il tipo di superficie. La suv inglese si potrà avere con motori a benzina 4 cilindri 2.0 (250 CV o 300 CV) e V6 3.0 (380 CV), oltre ai diesel 4 cilindri 2.0 da 180 CV e 240 CV e V6 3.0 da 300 CV. Il cambio è automatico a 8 marce. Il peso, a seconda delle versioni, va dai 1829 ai 1959 kg grazie anche all'ossatura in alluminio della Range Rover Velar. In seguito arriveranno, in sostituzione dei V6, i nuovi motori 6 cilindri in linea a benzina e diesel della famiglia Ingenium.