Lamborghini Urus: per lei un V8 biturbo

  • 10.12.2015

La suv sportiva Urus è attesa per il 2018 ed avrà un nuovo 4.0 V8 sviluppato appositamente

Lamborghini Urus: per lei un V8 biturbo

La Urus non verrà ricordata dagli appassionati solo in quanto prima vera suv della Lamborghini, ma anche in virtù di una caratteristica tecnica non meno esclusiva: il modello porterà all’esordio un motore V8 biturbo, novità assoluta per un’azienda da sempre legata ai V10 e V12 con alimentazione atmosferica. Lo hanno anticipato al settimanale Autocar l’amministratore delegato Stephan Winkelmann ed il responsabile tecnico Maurizio Reggiani. La suv Urus costerà circa 200.000 euro e avrà una connotazione molto sportiva: si dovrebbe posizionare un gradino sopra a vetture come la BMW X6 M e la Mercedes-AMG GLE 63. È l'erede spirituale della mitica Lamborghini LM002 degli Anni 80, una suv con il motore V12 della Countach prodotta in circa 300 esemplari.

Il motore della Lamborghini Urus sarà un V8 da 4.0 litri, biturbo, non condiviso con altre marche del gruppo Volkswagen, capace di prestazioni notevoli ma più parco rispetto agli odierni V10 e V12. Reggiani ha spiegato come “in accelerazione e nella marcia in fuoristrada sia fondamentale contare su un buon valore di coppia”, pregio comune a tutti i motori sovralimentati. Il V8 dovrà rivelarsi “leggero, potente e molto elastico. Sarà un motore esclusivo per la Lamborghini - conferma Reggiani -, abbinato alla giusta trasmissione e ad un sistema per il controllo attivo del telaio”.
 
Winkelmann ha confessato ad Autocar di aver già guidato un prototipo della Urus e di essere rimasto sorpreso dalle sue prestazioni. A suo dire il lavoro dei designer sullo stile è quasi ultimato, ma “ci sono ancora degli elementi da sistemare”: l’ad spiega come l’impronta generale ricalchi quella del prototipo (nelle foto), ma le forme saranno leggermente evolute e permetteranno di ricavare un abitacolo più voluminoso. Il manager non ha poi negato l’arrivo di un motore ibrido plug-in e nemmeno di allestimenti più estremi, come ad esempio una variante Superleggera. È stata invece esclusa la possibilità di una variante a due ruote motrici: la Urus conterà esclusivamente sulla trazione integrale.
 
La Lamborghini Urus dovrebbe esordire al Salone di Ginevra del 2018 e verrà costruita nell’impianto di Sant’Agata Bolognese, uscito vincitore dal ballottaggio con l’impianto slovacco di Bratislava. Monterà la stessa piattaforma utilizzata per l'Audi Q7 e della Bentley Bentayga, sviluppata nell’ottica del contenimento dei pesi e quindi indicata per una vettura sportiva. Il ritmo produttivo dovrebbe attestarsi a circa 3.000 unità l’anno, aiutando così l’azienda ad incrementare notevolmente i propri volumi: in tutto il 2014 la Lamborghini ha venduto 2.500 automobili.

BANDO ALLE TRADIZIONI - La Urus non verrà ricordata dagli appassionati solo in quanto prima vera suv della Lamborghini, ma anche in virtù di una caratteristica tecnica non meno esclusiva: il modello porterà all’esordio un motore V8 biturbo, novità assoluta per un’azienda da sempre legata ai V10 e V12 con alimentazione atmosferica. Lo hanno anticipato al settimanale Autocar l’amministratore delegato Stephan Winkelmann ed il responsabile tecnico Maurizio Reggiani. La suv Urus costerà circa 200.000 euro e avrà una connotazione molto sportiva: si dovrebbe posizionare un gradino sopra a vetture come la BMW X6 M e la Mercedes-AMG GLE 63. È l'erede spirituale della mitica Lamborghini LM002 degli Anni 80, una suv con il motore V12 della Countach prodotta in circa 300 esemplari.
 
SARÀ UNICO - Il motore della Lamborghini Urus sarà un V8 da 4.0 litri, biturbo, non condiviso con altre marche del gruppo Volkswagen, capace di prestazioni notevoli ma più parco rispetto agli odierni V10 e V12. Reggiani ha spiegato come “in accelerazione e nella marcia in fuoristrada sia fondamentale contare su un buon valore di coppia”, pregio comune a tutti i motori sovralimentati. Il V8 dovrà rivelarsi “leggero, potente e molto elastico. Sarà un motore esclusivo per la Lamborghini - conferma Reggiani -, abbinato alla giusta trasmissione e ad un sistema per il controllo attivo del telaio”.
 
STILE IN PARTE NUOVO - Winkelmann ha confessato ad Autocar di aver già guidato un prototipo della Urus e di essere rimasto sorpreso dalle sue prestazioni. A suo dire il lavoro dei designer sullo stile è quasi ultimato, ma “ci sono ancora degli elementi da sistemare”: l’ad spiega come l’impronta generale ricalchi quella del prototipo (nelle foto), ma le forme saranno leggermente evolute e permetteranno di ricavare un abitacolo più voluminoso. Il manager non ha poi negato l’arrivo di un motore ibrido plug-in e nemmeno di allestimenti più estremi, come ad esempio una variante Superleggera. È stata invece esclusa la possibilità di una variante a due ruote motrici: la Urus conterà esclusivamente sulla trazione integrale.
 
PARLA ITALIANO - La Lamborghini Urus dovrebbe esordire al Salone di Ginevra del 2018 e verrà costruita nell’impianto di Sant’Agata Bolognese, uscito vincitore dal ballottaggio con l’impianto slovacco di Bratislava. Monterà la stessa piattaforma utilizzata per l'Audi Q7 e della Bentley Bentayga, sviluppata nell’ottica del contenimento dei pesi e quindi indicata per una vettura sportiva. Il ritmo produttivo dovrebbe attestarsi a circa 3.000 unità l’anno, aiutando così l’azienda ad incrementare notevolmente i propri volumi: in tutto il 2014 la Lamborghini ha venduto 2.500 automobili.
- See more at: http://www.alvolante.it/news/lamborghini-urus-2018-motore-v8-biturbo-344248#sthash.L0HLfOHC.dpuf
BANDO ALLE TRADIZIONI - La Urus non verrà ricordata dagli appassionati solo in quanto prima vera suv della Lamborghini, ma anche in virtù di una caratteristica tecnica non meno esclusiva: il modello porterà all’esordio un motore V8 biturbo, novità assoluta per un’azienda da sempre legata ai V10 e V12 con alimentazione atmosferica. Lo hanno anticipato al settimanale Autocar l’amministratore delegato Stephan Winkelmann ed il responsabile tecnico Maurizio Reggiani. La suv Urus costerà circa 200.000 euro e avrà una connotazione molto sportiva: si dovrebbe posizionare un gradino sopra a vetture come la BMW X6 M e la Mercedes-AMG GLE 63. È l'erede spirituale della mitica Lamborghini LM002 degli Anni 80, una suv con il motore V12 della Countach prodotta in circa 300 esemplari.
 
SARÀ UNICO - Il motore della Lamborghini Urus sarà un V8 da 4.0 litri, biturbo, non condiviso con altre marche del gruppo Volkswagen, capace di prestazioni notevoli ma più parco rispetto agli odierni V10 e V12. Reggiani ha spiegato come “in accelerazione e nella marcia in fuoristrada sia fondamentale contare su un buon valore di coppia”, pregio comune a tutti i motori sovralimentati. Il V8 dovrà rivelarsi “leggero, potente e molto elastico. Sarà un motore esclusivo per la Lamborghini - conferma Reggiani -, abbinato alla giusta trasmissione e ad un sistema per il controllo attivo del telaio”.
 
STILE IN PARTE NUOVO - Winkelmann ha confessato ad Autocar di aver già guidato un prototipo della Urus e di essere rimasto sorpreso dalle sue prestazioni. A suo dire il lavoro dei designer sullo stile è quasi ultimato, ma “ci sono ancora degli elementi da sistemare”: l’ad spiega come l’impronta generale ricalchi quella del prototipo (nelle foto), ma le forme saranno leggermente evolute e permetteranno di ricavare un abitacolo più voluminoso. Il manager non ha poi negato l’arrivo di un motore ibrido plug-in e nemmeno di allestimenti più estremi, come ad esempio una variante Superleggera. È stata invece esclusa la possibilità di una variante a due ruote motrici: la Urus conterà esclusivamente sulla trazione integrale.
 
PARLA ITALIANO - La Lamborghini Urus dovrebbe esordire al Salone di Ginevra del 2018 e verrà costruita nell’impianto di Sant’Agata Bolognese, uscito vincitore dal ballottaggio con l’impianto slovacco di Bratislava. Monterà la stessa piattaforma utilizzata per l'Audi Q7 e della Bentley Bentayga, sviluppata nell’ottica del contenimento dei pesi e quindi indicata per una vettura sportiva. Il ritmo produttivo dovrebbe attestarsi a circa 3.000 unità l’anno, aiutando così l’azienda ad incrementare notevolmente i propri volumi: in tutto il 2014 la Lamborghini ha venduto 2.500 automobili.
- See more at: http://www.alvolante.it/news/lamborghini-urus-2018-motore-v8-biturbo-344248#sthash.L0HLfOHC.dpuf